La Vulnerabilità nel Rapporto di Coaching: Come Gestiria Efficamente?
Riporto a pochi giorni dal Congresso AICP alcuni estratti di quello che ritengo un importante e fondamentale approfondimento di Alain Cardon, coach senior parigino, sulla “vulnerabilità nel rapporto di coaching”.

Riporto a pochi giorni dal Congresso AICP alcuni estratti di quello che ritengo un importante e fondamentale approfondimento di Alain Cardon, coach senior parigino, sulla “vulnerabilità nel rapporto di coaching”.

[…] “Non importa la vera motivazione o l’importanza apparente assegnata ai loro obiettivi di coaching iniziali
tuttavia, i clienti del coaching spesso iniziano il loro processo inizialmente confessando e, talvolta,
ammettendo la percezione di una inadeguatezza personale o di sentimenti più profondi di vulnerabilità.
Quando i potenziali clienti si sentono vulnerabili, possono purtroppo sopprimere o squalificare la propria
capacità creativa per risolvere i propri problemi e / o ottenere maggiori risultati. Concentrandosi
eccessivamente sui loro sentimenti di inadeguatezza o vulnerabilità, tendono a perdere di vista il loro forte
potenziale interiore che gli permetterebbe di progredire da soli. Quando lo fanno, chiamano un coach o
qualcuno affine, credendo fermamente che l’altra persona abbia la forza e i mezzi per aiutarli. In questo
modo, i clienti in realtà proiettano il loro personale potere di guarigione verso l’esterno su altre persone
o sui coach, e percepiscono in queste figure proiettate la propria capacità di crescita interiore. ” […] […]

RELAZIONI COMPLEMENTARI

”A seconda dell’intensità dei sentimenti dei clienti di inadeguatezza e vulnerabilità e a seconda del modo in
cui sono espressi, l’iniziale approccio relazionale al cliente potrebbe essere definito in vari modi. Qualcuno
potrebbe percepire il coaching come l’adozione di una posizione subalterna , o di un atteggiamento da
perdente, un atteggiamento impotente, un ruolo da vittima, una strategia di delega, ecc., ma non è oggetto di questo articolo imbarcarsi in valutazioni discrezionali o giustificazioni logiche circa tali posizioni iniziali del
cliente. Molto più importante per il processo di coaching, è il fatto che ogni persona che adotta un
atteggiamento sottotono al momento della comparsa di ogni rapporto si percepisca come un tacito invito nei confronti del proprio partner professionale, ad assumere un ruolo attivo e autorevole.

La posizione complementare a quella di qualsiasi persona che vuole intraprendere una ricerca su un
professionista positivo su una ricerca personale potrebbe essere definita da uno sfidante, un capo , un
maestro, un mentore, un maestro, un allenatore ecc. In modo meno positivo, la stessa polarità può essere
descritta altrimenti: una vittima può essere alla ricerca di un sostegno da parte di un salvatore, un perdente di un capo, una persona impotente di un custode, un adepto di un guru, ecc Tutte queste relazioni complementari dall’alto in basso e dal basso verso l’alto sono piuttosto comuni e sono entrambe
socialmente accettabili e relativamente politicamente corrette.

  • Attenzione: Quando i clienti vengono inviati all’esperienza di coaching dalla loro organizzazione, a volte trasmessa da una coalizione HR e manager, dopo aver superato le prove come 360 ° feedback o inventari MBTA, possono sentirsi squalificati, giudicati e sotto pressione sociale per dimostrare una migliore performance. Questo si aggiungerà inevitabilmente ai loro sentimenti inconscii di vulnerabilità e inadeguatezza.

Questo tipo di rapporto è spesso fondamentale nell’ instaurarsi della maggior parte delle relazioni di
supporto. Da un lato, i clienti potenziali ed effettivi ammettono le loro esigenze, i loro difetti, le loro incapacità e vulnerabilità, e dall’altro, sperano che il coach professionista che stanno cercando o incontrando conosca, capisca, possa aiutare, sia potente, carismatico e capace.

  • Attenzione: Come conseguenza, i clienti solitamente avviano relazioni di coaching ammettendo tacitamente o esplicitamente la loro vulnerabilità intrinseca. Essi, naturalmente, invitano i loro coach ad adottare una posizione relazionale di supporto complementare. Purtroppo, in alcuni casi, i coach potrebbero adottare tale ruolo complementare, anche unire l’HR organizzativo e la coalizione del manager e diventare giudicanti e impazienti (top-down) con il cliente.

Socialmente parlando infatti, l’allenatore dovrebbe essere colui che conosce, che sarà aperto, solidale,
comprensivo e / o esigente. Pertanto, nell’immaginario comune, il coach è inizialmente colui che può, che ha le capacità intrinseche, che esercita energia e potere , che può prendersi cura, sostenere e dare valore, che sarà in grado di motivare, che potrebbe avere soluzioni strategiche, ecc. Questa percezione del coach spesso permette di entrare nel rapporto di coaching con relativa sicurezza, percependo che sarà produttivo.

  • Attenzione: Un allenatore che si dimostra eccessivamente morbido, premuroso, protettivo e amorevole offrirà, anche inconsapevolmente, una posizione di gerarchia ai suoi clienti, invitandoli ad adottare una posizione complementare, accantonando le loro ambizioni per poter beneficiare di questo avvolgente conforto materno, per compensare la pressione e le carenze percepite dall’esterno.

Da non dimenticare gli occhi spalancati e la mascella aperta di clienti intimoriti che trovano in modo adeguato guru complementari. Quest’ultima situazione offre una compiuta immagine illusoria di un essere completamente illuminato, simile a un dio, post-umano, idealizzato.
Inutile dire che questi esempi di polarità bottom-up/top-down non hanno posto nel coaching.

Spesso
possono illustrare gli stimoli che creano dipendenze relazionali, piuttosto che concentrarsi sul
raggiungimento di risultati. Questi potrebbero anche rivelarsi una trappola per i coach che potrebbero
diventare molto più responsabili per i clienti o per i risultati dei clienti di quanto dovrebbero o addirittura
potrebbe essere. Ricordate che il coaching è definito come un rapporto tra pari all’interno del quale i clienti
hanno il potere di trovare le proprie risposte più appropriate.

  • Attenzione: Quindi più sottilmente, il coaching non deve essere una professione che poggia su nessuna forma di atteggiamento di vantaggio o di comportamento o relazione gerarchica. In nessun modo l’allenatore dovrebbe adottare un atteggiamento compiaciuto di eccessiva conoscenza, supporto, condiscendente, saggezza o esperienza mondana.

In realtà, i coach sono persone normali che hanno anche a che fare con la loro legittima parte di problemi e sfide. Nel rapporto con un allenatore, è spesso ripetuto che il cliente è percepito come colui che può e che sa. Il cliente è l’unica persona che ha accesso al potere e ai mezzi per raggiungere i propri obiettivi e
risolvere i propri problemi . E’ noto che nella relazione di coaching si definisca la posizione del coach come
quella di una persona che non può essere responsabile per il cliente, che non sa più del cliente e che non
può fare nulla al posto del cliente.” […]

NOTA:
 Estratto dell’articolo originale tradotto dall’inglese in italiano da Antonio Cecere dopo essersi confrontato con l’autore.
(Articolo originale e completo:
 http://www.metasysteme-coaching.eu/english/authentic-vulnerabilty-in-systemic-coaching/


(C) 2014 – ALAIN CARDON.)